Baozi: dalla cina un piatto vegano

Baozi: dalla cina un piatto vegano

Il baozi è un panino ripieno di carne, verdure o creme cotto al vapore tipico della cucina cinese. Esistono due tipi di baozi: il dabao, del diametro di circa 10 centimetri, servito come snack da portar via e il xiaobao, di circa 3 centimetri di diametro comunemente servito al ristorante. Questo piatto ha origini antichissime, pare che fu inventato 1.800 anni or sono, dallo stratega militare Zhuge Liang, per sfamare i soldati durante una campagna nel sud della Cina.

Si racconta che Marco Polo, durante il suo viaggio in Cina, amasse così tanto questo piatto che tornato in patria portò con sé la ricetta per condividerla con i suoi connazionali. Alcuni ben pensanti cinesi affermano che questo panino imbottito è niente di meno che l’antenato della nostra pizza napoletana (una ipotesi a dir poco ardita mi verrebbe d’aggiungere). Cosa certa che Po di Kung Fu Panda era particolarmente ghiotto di Baozi.

Al di là delle curiosità raccontate appena sopra, ti posso assicurare che se deciderai di preparare questo piatta farai la tua sporca figura.

ingredienti per 6 persone ( circa dodici pezzi tipo xiaobao )
per l’impasto

  • 250 gr di farina doppio zero tipo manitoba;
  • 2,5gr di lievito di birra secco;
  • 260ml di acqua tiepida;
  • due cucchiai di gomasio o sesamo.

per il ripieno

  • 75gr cavolo verza;
  • 75gr funghi;
  • un cipollotto;
  • una carota;
  • un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva;
  • qualche goccia di olio di sesamo
  • mezzo peperoncino;
  • sale e pepe.

preparazione:

Versa metà della farina in un recipiente piuttosto capiente, aggiungi il lievito secco di birra, versa metà dell’acqua e con l’aiuto di una forchetta inizia a idratare la farina formando una prima pastella, prosegui inglobando la rimanente farina e aggiungi l’acqua restante finché non otterrai un impasto piuttosto compatto che ben si stacca dalle pareti del recipiente.A questo punto lavora l’impasto su una spianatoia  fino a che non risulterà liscio e vellutato. Riponilo nel recipiente, copri con un panno e lascia lievitare per circa mezz’ora oppure finché non avrà raddoppiato di volume.

Nel mentre prepara le verdure. Prendi il cavolo separa le foglie e privale della parte centrale bianca, poi raggruppale e tagliale finemente; stessa cosa per le carote, il cipollotto e i funghi. Riponi i tocchetti di verdura in un recipiente, versa l’olio di oliva e mescola, ( il grasso dell’olio impedirà la fuoriuscita dell’acqua di vegetazione delle verdure quando verranno a contatto con il sale ),  poi aggiungi il sale, il pepe, l’olio di sesamo e il peperoncino.

Prendi la pasta, dividila in due parti uguali, lavora ogni pezzo con le mani fino a farlo diventare un cilindro del diametro di 2cm circa. Dividi ogni cilindro in sei parti uguali. Prendi un pezzo di pasta e con il mattarello tiralo in modo da formare un disco dello spessore di circa 3 mm.

Ora viene il difficile. Prendi il disco con la mano sinistra, con la mano destra raccogli un cucchiaio di ripieno e riponilo nel centro del disco. Con il pollice e l’indice della mano destra pizzica i lembi della pasta facendola ruotare attorno al pollice della mano sinistra, prosegui fino alla chiusura del disco di pasta. E’ più semplice se guardi questo video su youtube che mostra come piegare i singoli dischi di pasta.

Per la cottura ho utilizzato il cestello a vapore della linea di stoviglie per la cucina 365+ di ikea; ho foderato il fondo con le foglie rimaste del cavolo verza, ho riposto i baozi ( sei per piano ) , ho cosparso con semi di sesamo tostato, ed ho lasciato lievitare per mezz’ora.

Poi ho messo i cestelli sulla casseruola ed ho chiuso con il coperchio, ho accesso il fuoco ed ho lasciato cuocere 20 minuti da quando l’acqua ha iniziato a bollire. Solo 180 Kcal per due pezzi. Ho servito i baozi caldi accompagnati con salsa di soia e agrodolce.

Oplà! il piatto è pronto.

forse potrebbe interessarti:

Vota l'articolo:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...



4 thoughts on “Baozi: dalla cina un piatto vegano”

Rispondi


Utilizziamo gli identificativi dei dispositivi per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre, forniamo tali identificativi e altre informazioni relative ai dispositivi che utilizzi alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. per maggiori informazioni | chiudi