Tu vuo fa l’americano: carrots cake!

Tu vuo fa l’americano: carrots cake!

Le torta di carote è un dolce “vagabondo” in quanto nasce nelle valli della Svizzera tedesca, emigra negli anni quaranta in Inghilterra, poi si trasferisce negli anni sessanta negli Stati Uniti e infine ritorna, arricchita e opulente, nuovamente in Europa. Qui di seguito trovi una mia personale interpretazione della ricetta americana, che nasce da un attenta ricerca e selezione tra le innumerevoli varianti che si possono trovare in rete. Attenzione! Non lasciarti trarre in inganno dal termine “carote” perché questa torta rimane pur sempre un dolce squisito, speziato e decisamente calorico.

La più antica ricetta documentata della torta di carote risale al 1892 ed è contenuta in un libro conservato nella Housekeeping school di Kaiseraugst, una cittadina del Cantone di Argovia ( scopri di più su questa regione ) nella Svizzera tedesca, famosa anche per il suo «Rüeblimärt»  ossia il mercato delle carote. Che strana coincidenza vero?

Ad ogni modo negli anni quaranta in Inghilterra, a causa del razionamento di zucchero durante alla Seconda Guerra Mondiale, s’inizio a produrre e a consumare questo dolce che in breve tempo divenne molto richiesto e popolare, ma fu solo negli anni sessanta che la Carrot Cake sbarcò negli Stati Uniti d’America replicando il successo inglese al punto da diventare nei ristoranti e nelle caffetterie uno “standard dessert fare“.

In questa serie di passaggi tra un paese e l’altro la ricetta originale ( scopri di più sulla Rüeblitorte ) si è trasformata adattandosi ai gusti e alla reperibilità delle materie prime. Rispetto alla versione svizzera, che compie ben 122 anni, la ricetta inglese-americana non prevede l’uso delle nocciole nell’impasto o della farcitura di marmellata d’albicocche ( solo abricots du Valais ) ma arricchisce il dolce con una serie di spezie provenienti dalle Indie e dall’Indocina e sostituisce la ghiaccia reale con il più ben noto frosting al formaggio spalmabile.

Se ti va per ora ho provato la versione anglosassone-americana ma mi riprometto di “cimentarmi” al più presto con la ricetta svizzera per decidere insieme a te quale ci piace di più.

Ingredienti per una torta di circa 18 cm di diametro
per l’impasto

  • 180 gr di farina doppio zero;
  • 130 gr di zucchero di canna;
  • 150 ml d’olio di semi;
  • 20 gr di cannella in polvere;
  • 10 gr di zenzero fresco grattugiato;
  • 8 gr di bicarbonato di sodio;
  • 8 gr di noce moscata;
  • 5 gr di estratto di vaniglia ( circa un cucchiaino );
  • 4 gr di sale;
  • 2 uova intere;
  • una mela ( circa 130 gr);
  • quattro carote ( circa 200 gr);
  • il succo di mezzo limone.

per la glassa

      • 150 gr di formaggio fresco spalmabile;
      • 130 gr di zucchero a velo;
      • 75 gr di burro freddo da frigorifero;
      • 5 gr di estratto di vaniglia ( circa mezzo cucchiaino )

per la decorazione

      • un panetto di pasta di zucchero arancione e verde

Accendi e inizia con il riscaldare il forno a 180 gradi.

Prepara la verdura e la frutta. Pulisci le carote, sbuccia la mela e privala del torsolo, grattugia le verdure e il frutto molto finemente. Riponi la purea ottenuta in una ciotola e condisci con il succo di mezzo limone.

Ora passiamo all’impasto. In una ciotola versa le due uova e lo zucchero e inizia a montarle con l’aiuto di una frusta elettrica; quando il composto risulta spumoso e compatto aggiungi, poco per volta, la farina, la cannella in polvere, lo zenzero, la noce moscata grattugiata, il sale e il bicarbonato. A questo punto, continuando a mescolare con la frusta, versa a filo l’olio di semi, l’estratto di vaniglia e cucchiaio dopo cucchiaio la purea di carote e mela finché tutti gli ingredienti non saranno ben amalgamati.

Imburra e infarina una tortiera a cerniera del diametro di 18 cm, versa l’impasto e fallo assestare con qualche colpetto lungo i bordi dello stampo, infine riponilo in forno e cuocilo per almeno 50 minuti sempre a 180 gradi. Trascorsi 40 minuti prova a verificare con uno stuzzicadenti il grado di cottura della torta, se dovesse risultare molto umida al centro e ben cotta all’esterno, puoi abbassare la temperatura a 160 gradi e prolungare la cottura fino a 60/70 minuti.

Prepara la glassa. In una ciotola versa il burro freddo da frigo e inizia a lavorarlo con la frusta elettrica, man mano che inizia ad ammorbidirsi e a montare aggiungi, sempre poco per volta, il formaggio spalmabile, lo zucchero a velo e l’estratto di vaniglia, fino ad ottenere una crema liscia e lucida. Prendi la ciotola, coprila con della pellicola trasparente per alimenti e riponila nel frigo per almeno un’ora.

Quanto la torta è cotta lasciala raffreddare su una gratella, tagliala in due dischi e farcisci con la glassa, poi richiudi e con l’ausilio di una spatola distribuisci uno strato uniforme di glassa sull’intera superficie della torta. Quando hai finito metti la carrots cake in frigorifero e lascia rassodare la glassa anche per un giorno interno. Prima di servire decora con delle piccole carote di pasta di zucchero.

Ricordati di fare Mi Piace sulla pagina Facebook di Oplà! ti fa bene

Vota l'articolo:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...



2 thoughts on “Tu vuo fa l’americano: carrots cake!”

Rispondi


Utilizziamo gli identificativi dei dispositivi per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre, forniamo tali identificativi e altre informazioni relative ai dispositivi che utilizzi alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. per maggiori informazioni | chiudi