Cena vegetariana per due con poco più di otto euro

Cena vegetariana per due con poco più di otto euro

Si può preparare una buonissima cena vegetariana per due persone spendendo meno di 10 euro ed utilizzando solo prodotti di stagione? Certo che sì! Ecco la mia lista della spesa: un pacchetto di cellentani da 500 gr (1.76 euro); un sacchetto di ceci da 500 gr (1.36 euro); una confezione di ricotta da 250 gr (1.70 euro); due carote di media grandezza (0.30 euro); un cespo di bietola da coste (0.36 euro); una cipolla (0.15 euro); un uovo di media grandezza (0.40 euro) e infine 100 gr di Grana Padano (1.90 euro). Totale della spesa: 8.02 euro.

Menú della serata: bietola da coste impanate e fritte come antipasto; cellentani con ricotta, ceci, patate e bietole come prima portata e infine involtini di bietola con ricotta, carote e timo come seconda pietanza. Dolci e bevande esclusi. 🙂

Ingredienti per due persone

  • 200 gr di pasta;
  • 125 gr di ricotta;
  • 120 gr di bietola da costa;
  • 100 gr di grana padano grattugiato;
  • 100 gr di patate;
  • 60 gr di ceci;
  • 60 gr di carote;
  • mezza cipolla;
  • mezzo dado vegetale Alce Nero;
  • un uovo;
  • quattro cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • un rametto di rosmarino;
  • un rametto di timo;
  • pangrattato;
  • sale e pepe quanto basta.

Preparazione

Avvertenza! Per non sporcare un numero X tendente a enne di tegami ho cotto le verdure che servono per tutte e tre le ricette utilizzando la stessa pentola.

Metti in ammollo i ceci per almeno otto ore in modo da farli reidratare e ammorbidire. Lava e monda il cespo di bietole da costa avendo cura di separare il gambo bianco dalla foglia verde; pulisci le carote e tagliale a bastoncini, affetta la cipolla e infine sbuccia le patate e riducile a cubetti. Ora in una casseruola versa un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva, la cipolla affettata, i ceci reidratati, le carote e le patate a tocchetti, il rametto di rosmarino e mezzo dado vegetale, ricopri con un paio di bicchieri d’acqua e aggiungi un pizzico di sale e di pepe. Copri e fai cuocere lentamente per una trentina di minuti.

Una volta cotte, filtra le verdure con l’aiuto di un colino cinese, e nel loro stesso liquido di cottura  cuoci per cinque minuti le foglie di bietola da costa che ha precedentemente pulito e separato dai gambi.

Ora dedicati alla preparazione degli involtini. Separa le carote cotte dalla rimanente verdura poi versale in una boule e aggiungi metà della ricotta, metà del grana padano grattugiato, un rametto di timo, un pizzico di sale e di pepe. Amalgama bene tutti gli ingredienti. Prendi otto foglie di bietola cotte, stendile su di un tagliere e versa nel centro di ognuna di essa una cucchiaiata di composto, arrotola e riponi gli involtini in una casseruola unta con un cucchiaio di olio extravergine d’oliva. Informa a 180 gradi per una ventina di minuti.

Ed ora la pasta! Metti sul fuoco una casseruola con abbondante acqua salata, quando raggiunge il bollore butta i cellentani e fai cuocere per una decina di minuti. Nella casseruola dove hanno cotto le varie verdure versa metà della ricotta e mescola il tutto fino ad ottenere una crema liscia e vellutata a questo punto aggiungi i ceci, le patate, le foglie di bietola cotte e aggiusta di sale e pepe. Una vola cotta la pasta, scolala e conserva un mezzo bicchiere d’acqua di cottura da utilizzare nel caso l’intingolo risultasse troppo asciutto. Aggiungi la pasta alle verdure e mescola il tutto.

Ultima fatica l’antipasto. In una casseruola versa un litro d’acqua salata, porta a bollore e immergi i gambi delle bietola di costa per cinque minuti. Scola le verdure e asciugale bene con un panno. In un piatto rompi un uovo, aggiungi un pizzico di sale e pepe, sbatti il tutto con una forchetta. Passa i gambi nell’uovo, poi nel pangrattato, nell’uovo e nel pangrattato ancora. Friggi ad olio ben caldo per qualche minuto finché la panatura risulta ben dorata. Lascia asciugare la verdura su un panno di carta assorbente. Servi il fritto ben caldo con abbondate sale.

Ricordati di fare Mi Piace sulla pagina Facebook di Oplà! ti fa bene

Vota l'articolo:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...



Rispondi