Ravioli di carote ripieni di patate e burrata conditi con cipolle in agrodolce

Agre e dolce sono due sapori che ben si sposano insieme, innumerevoli le ricette che ripercorrono questo abbinamento, in passato utilizzato anche per conservare le pietanze, pensate ad esempio al pesce o alle verdure in carpione. Oggi provo dei ravioli di pasta all’uovo e carote, ripieni di patate e burrata conditi poi con olio extravergine d’oliva e cipolle di tropea in agrodolce. Il risultato m’è veramente piaciuto. Fammi sapere come ti son venuti.

Ingredienti per quattro persone
per la pasta all’uovo

  • 150 gr di farina doppio zero;
  • 150 gr di carote cotte ridotte a purea;
  • 1 uova;
  • 2 gr di sale, circa mezzo cucchiaio.

per il ripieno e il condimento

  • 100 gr di patate lesse;
  • 60 gr di burrata;
  • 8 pomodorini secchi e qualche cappero;
  • otto ciuffi d’erba cipollina;
  • due cipolle di tropea;
  • mezzo bicchiere di aceto di mele;
  • due cucchiaio di zucchero;
  • due rametti di timo fresco;
  • sale e pepe.

cosa ti serve inoltre

  • Mattarello o tirapasta ( anche detto Nonna Papera ), spianatoia e un frullatore

Preparazione

 

Inizia con la preparazione delle verdure. Monda e affetta le cipolle e versale in una casseruola con due rametti di timo, un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva e un pizzico di sale e pepe. A metà cottura, ossia quando la cipolla inizierà ad appassire, versa l’aceto di mele e lo zucchero, mescola rapidamente e alza la fiamma per far evaporare velocemente l’aceto. Poi abbassa e continua la cottura finché le verdure non risulteranno ben cotte e gli zuccheri non si saranno caramellati.

Lava, monda e affetta le carote, riponile in una casseruola con un pizzico di sale e mezzo mestolo d’acqua. Cuoci finché non si sfalderanno premendo i singoli tocchetti con i rebbi di una forchetta. Infine riduci il tutto ad una purea fine.

Prepara la farcitura per i ravioli. Lessa una patata e una volta pronta lasciala raffreddare prima di ridurla a purea con uno schiacciapatate. Unisci la burrata, l’erba cipollina tagliata e i pomodori secchi ridotti a bocconcini. Amalgama il tutto e lascia riposare in frigorifero per mezz’ora affinché il composto si rassodi.

Dedicati alla pasta all’uovo. Su una spianatoia o in una grande ciotola, setaccia la farina fino a formare una fontana, creando al centro lo spazio necessario per accogliere le uova. Versa all’interno della fontana l’uova il sale e la purea di carote. Inizia a incorporare le uova e la purea nella farina con una forchetta sino a che non si saranno ben amalgamati.  A questo punto inizia a lavorare con le mani l’impasto per ottenere un composto omogeneo.

Forma una palla con l’impasto e lasciala riposare in frigorifero per almeno 30/40 minuti, avvolta nella pellicola per alimenti. Trascorso il tempo di riposo l’impasto è pronto per essere steso e tagliato in strisce di circa 40 cm di lunghezza. Versa un po’ di farina sul piano di lavoro,  e versa nel centro della pasta un cucchiaino di farcitura. Richiudi a metà e pizzica l’eccesso di pasta laterale in modo da formare una caramella. Disponi i ravioli su una spianatoia abbondantemente infarinata. In quanto la farcitura è piuttosto umida e tende a bagnare la pasta all’uovo.

Versa una manciata di sale nell’acqua di cottura degli asparagi, porta ad ebollizione e cuoci per qualche minuto i ravioli. Quando i ravioli vengono a galla attendi ancora qualche minuto, poi scolali e servili con dell’olio extravergine d’oliva e la cipolla in agrodolce.

Se ti è piaciuta la ricetta commentala sulle pagine di questo blog o condividila sulle tue pagine social e ricordati di fare Mi piace sulla pagina Facebook di Oplà! ti fa bene


Qualche informazione sui valori nutritivi

 time  calorie  carboidrati grassi  proteine
60 minuti per 180gr
268 Kcal

13% GDA
carboidrati
46 gr

17% GDA
grassi
5 gr

7% GDA
proteine
12 gr

24% GDA
valori nutrizionali per porzione circa 180 gr, fonte Ricette Calorie

Fotoricetta

Carlo Cicognini

“Lo sai perché mi piace cucinare?” “No, perché?” “Perché dopo una giornata in cui niente è sicuro, e una torna a casa e sa con certezza che aggiungendo al cioccolato rossi d’uovo, zucchero e latte l’impasto si addensa: è un tale conforto!” - Giulia Child

No Comments Yet

Rispondi

Utilizziamo gli identificativi dei dispositivi per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre, forniamo tali identificativi e altre informazioni relative ai dispositivi che utilizzi alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. per maggiori informazioni | chiudi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: