l’estate in scatola

Ricette Senza Glutine Svuota frigorifero Vegetariana Verdure, Insalate e ContorniLeave a Comment on l’estate in scatola

l’estate in scatola

Chi ha la fortuna di coltivare un orto avrà sicuramente avuto il problema di gestire l’eccedenza di prodotti stagionali come pomodori, melanzane e zucchine; è vero che si possono regalare questi pregiatissimi prodotti della terra – e frutto del nostro lavoro – a parenti e amici, come è altrettanto vero che possiamo trasformare queste verdure in genuine conserve da consumare durante i mesi invernali.

Da qui l’idea di una sorta di caponata di verdure, gustosa e salutare.  Per raggiungere questo obiettivo ho utilizzato Tefal Actifry per friggere con pochissimo olio ( circa un cucchiaio per kg di verdura ) le verdure che poi ho successivamente unito ad un sugo di pomodoro fresco abbondantemente aromatizzato con basilico, origano e timo.

Ingredienti

    • 500 gr  di melanzane
    • 500 gr di zucchine
    • 300 gr di peperoni rossi
    • 200 gr di peperoni gialli
    • 100 gr di patate
    • 100 gr di passata di pomodoro
    • 80 gr di cipolle
    • 60 gr di pomorini maturi
    • 50 gr di scalogno
    • 30 gr di olio extra vergine d’oliva
    • 20 gr di sale marini
    • 20 gr di sedano
    • 10 gr di zucchero
    • un peperoncino
    • mezzo bicchiere d’aceto
    • pepe quanto basta
    • una decina di foglie di basilico
    • qualche rametto di timo
    • una tazzina di foglie fresche d’origano
    • 3 capienti vasetti di vetro

tempi  di preparazione

circa 1 ora  e 30 minuti più il tempo di raffreddamento

preparazione
Per questa preparazione ho utilizzato la friggitrice Tefal Actifry che permette una cottura croccante con l’utilizzo di pochissimo olio. Taglia le melanzane a pezzettoni piuttosto grossi, disponili in uno scolapasta e cospargili di sale grosso per favorire la fuoriuscita dell’amarognalo acqua di vegetazione. In una casseruola poni le cipolle  e lo scalogno tritati, il sedano, un cucchiaio di olio d’oliva e  mezzo bicchiere d’acqua; quando le verdure saranno stufate aggiungi la passata di pomodoro, qualche foglia di basilico, sale, pepe e zucchero e lascia il tutto cuocere lentamente. Pulisci e taglia a grossi pezzetti i peperoni gialli e rossi, disponili nella friggitrice con un cucchiaio d’olio e falli cuocere per circa 20 minuti. Trascorso il tempo di cottura rimuovi i peperoni dalla friggitrice. Taglia le zucchine riponile nella ( senza utilizzare ulteriore olio per la frittura ) nella friggitrice e falle cuocere per altri 20 minuti. Terminata la cottura delle zucchine rimuovile e riponi nella friggitrice le melanzane con del timo e fai cuocere il tutto per 20 minuti senza aggiungere ulteriore olio e avendo cura a metà cottura d’aggiungere mezzo bicchiere di vino d’aceto. Cotte le melanzane, taglia le patate, lavale con abbondate acqua per rimuovere tutto l’amido, asciugale e riponile nella friggitrice con mezzo cucchiaio d’olio e cuocile per altri 20 minuti. Ultimo passo, prendi i pomorodini e riponili nella friggitrici, fai cuocere per circa 10 minuti, una volta cotti riponili in un bacinella d’acqua fredda per rimuovere facilmente la buccia. Passa il sugo in un setaccio e unisci le verdure precedentemente cotte. il peperocino, il basilico restante e l’origano, aggiusta di sale e pepe e fai cuocere il tutto per circa 4/5 minuti. Riponi i vasi di vetro in una pentola piena d’acqua e porta a bollore, fai sterilizzare i vasi per circa 20 minuti;  rimuovi i vasi asciugali con un panno pulito e riponili capovolti su di un canovaccio. Ora prendi le verdure e riempi i vasi, se necessario rabbocca con dell’olio, chiudili con i loro coperchi e capovolgili. Trascorsi una decina di minuti prendi i vasi e rimettili nell’acqua calda della precedente fase di sterilizzazione e fai sobbollire il tutto per altri 10 minuti. Lascia i vasi nell’acqua finché non si sarà raffreddata.  Oplá! l’estate é servita

 

Lo sapevi che: la legislazione prevede che sul fondo del barattolo l’anno di produzione, eventualmente preceduta dalla lettere L di lotto e seguita da un numero fra 1 e 365 che indica il giorno dell’anno in cui il prodotto è stato inscatolato o imbottigliato. Pensate veramente che una scatola di pelati prodotta in febbraio abbia utilizzato dei pomodori freschi provenienti dall’Italia?

 

“Lo sai perché mi piace cucinare?” “No, perché?” “Perché dopo una giornata in cui niente è sicuro, e una torna a casa e sa con certezza che aggiungendo al cioccolato rossi d’uovo, zucchero e latte l’impasto si addensa: è un tale conforto!” - Giulia Child

Rispondi

Back To Top