Diario di un obeso: verso il traguardo di metà percorso

Diario di un obeso: verso il traguardo di metà percorso

Terzo giovedì di verifica dei risultati raggiunti. DriiIIIinnnn! la sveglia integerrima nella sua sterile puntualità mi strappa dalle braccia di Morfeo e mi riporta alla dura realtà di questa ennesima giornata lavorativa, indugio qualche minuto in più tra le lenzuola; mi siedo sul letto e mi stiracchio un poco prima di alzarmi e dirigermi verso il bagno. Accedo la bilancia, ricerco il mio profilo, attendo qualche secondo e poi salgo a piè pari sul patibolo in attesa del giudizio finale. Blink! Lampeggii vari in stile Supercar e dopo qualche tentennamento – forse pure lei è stanca questa mattina – appare il responso: 95,6. Un numero che sembra dirmi: “vai così che sei quasi a metà percorso rispetto all’obiettivo che ti sei dato!

Meno un chilo rispetto la settimana precedente, il BMI sceso a 29.5, la massa grassa che perde qualche decimo di punto a differenza della massa magra che acquista qualche decimo di punto, idratazione e massa ossea stabili. Un centimetro in meno di girovita e torace.

Alimentazione: mediamente ogni giorno ho consumato due porzioni di yogurt greco magro; almeno tre porzioni di verdura ( pomodori, lattuga e zucchine ); una porzione di frutta ( mele e pesche nettarine ); due porzioni di proteine animali  ( carne di tacchino, bresaola, prosciutto crudo, speck e carne in scatola ); una porzione di carboidrati ( pane bianco, pane con semi di lino, zuppa di lenticchie ); mentre ho evitati dolciumi vari, per un apporto calorico giornaliero di circa 1500/1600 Kcal. Infine acqua come se non ci fosse un domani, circa 2,5 litri al giorno

Movimento: ho sfruttato ogni occasione per poter camminare (tragitto casa-lavoro, pause pranzo e passeggiate con il cane ) per un totale di 10h 01m. Inoltre per incrementare la percentuale di massa magra sono riuscito a ritagliare il tempo per due allenamenti di jogging, per un totale di 90 minuti di corsa  (+15 minuti rispetto settimana precedente) 13 chilometri percorsi  (+ 3 Km rispetto la settimana precedente ) con un ritmo medio 8,5  minuti per chilometro.

Ulteriori informazioni: non so se è la forte motivazione, il cambio di regime alimentare o l’abbandono degli zuccheri, ma sta di fatto che non ho più avuto attacchi di fame ingiustificati. Si sono modificati anche i miei ritmi intestinali: il numero di evacuazioni giornaliere è passato da 2/3 a 1, ed è migliorata la consistenza delle mie feci ( per chi non lo sapesse esiste la scala di Bistol  utilizzata dai medici per valutare la salute della nostra pancia in relazione a ciò che esce da essa  ). Segnali di cambiamento in atto anche a livello intestinale, direi in linea con quanto raccontato da Giulia Enders in L’intestino Felice, leggi la mia recensione del libro.

Ricetta della settimana
Era domenica, il tempo minacciava pioggia, la temperatura s’era abbassata e sembrava proprio che l’estate fosse in procinto di cedere il passo all’autunno. Quale occasione migliore per preparare qualcosa di caldo e avvolgente? 

Casseruola, trito di cipolla, sedano e carota, un cucchiaio d’olio, brodo vegetale, lenticchie messe in ammollo per qualche ora, zucca mantovana. In meno di un’ora venne servita agli ospiti della giornata una fumante zuppa di lenticchie e zucca. Un piatto sano, ipocalorico e con un alto potere saziante. Se vuoi saperne di più leggi la ricetta della zuppa di lenticchie e zucca mantovana

Alla prossima pesata!

Vota l'articolo:

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...



4 thoughts on “Diario di un obeso: verso il traguardo di metà percorso”

Rispondi


Utilizziamo gli identificativi dei dispositivi per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre, forniamo tali identificativi e altre informazioni relative ai dispositivi che utilizzi alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. per maggiori informazioni | chiudi