Ricetta veloce: polenta, salame e grana padano

Pasta, Riso e altri cereali RegionaleLeave a Comment on Ricetta veloce: polenta, salame e grana padano

Ricetta veloce: polenta, salame e grana padano

Prima del boom economico degli anni cinquanta dello scorso secolo, quando ancora l’Italia era un paese rurale, la vita delle persone che abitavano lontane dai grandi centri cittadini, ruotava attorno ai ritmi scanditi dallo scorrere lento delle stagioni. L’annata agraria iniziava il giorno di San Martino e procedeva lungo una serie di appuntamenti fissi: la macellazione del maiale, le festività natalizie, la raccolta del ghiaccio, la preparazione del terreno, la semina, la Pasqua, il raccolto, la fiera, la festa del Santo Patrono e ancora San Martino. Questa ricetta risale ai quei tempi quando la polenta era il cibo quotidiano di tutti e i più fortunati potevano arricchirla con fetta di salame o una sardina.

Ingredienti per due persone

  •  200 gr di farina di frumento tipo bramata oro;
  • 1 litro d’acqua;
  • 10 gr di sale grosso ( circa un cucchiaio scarso );
  • 6 fette di salame tipo Milano;
  • 30 gr di scaglie di grana o raspadura lodigiana.

Preparazione

In una casseruola versa l’acqua, il sale grosso e porta ad ebollizione. Versa a pioggia la farina rimestando continuamente con una frusta o un cucchiaio di legno in modo da prevenire la formazione di grumi ( i famosi “fra” o frati in dialetto lodigiano). Fai cuocere la polenta a fuoco basso per almeno quaranta minuti mescolando di tanto in tanto. Quando pronta raccogli e versa sul piatto di portata due generose cucchiaiate, ricopri con le fette di salame e le scaglie di grana. Attendi qualche secondo prima di servire in modo che il grasso contenuto nel salame inizia a sciogliersi e a insaporire/condire la pietanza sottostante.

Ricordati di fare Mi Piace sulla pagina Facebook di Oplà! ti fa bene

“Lo sai perché mi piace cucinare?” “No, perché?” “Perché dopo una giornata in cui niente è sicuro, e una torna a casa e sa con certezza che aggiungendo al cioccolato rossi d’uovo, zucchero e latte l’impasto si addensa: è un tale conforto!” - Giulia Child

Rispondi

Back To Top